OCM (Organismi cronologicamente modificati)

,

Il viaggio è un momento importante, un’opportunità per individuare e neutralizzare gli OCM presenti nella nostra vita (specie con l’avvicinarsi della fine dell’anno): no, non OGM, ma proprio OCM. Ora spiego cosa sono. Ce li siamo beccati tutti, non si possono evitare. Noi stessi forse lo siamo a nostra volta, chissà? e non ce ne accorgiamo.

 

Gli OCM, gli Organismi Cronologicamente Modificati) sono le vittime dei danni del tempo, le persone che non riconosci più, gli amici o amiche o ex, per capirci: quelli che ci hai dormito, fumato, pianto, riso insieme al liceo, poi siete cresciuti e vi siete divisi altre gioie, dolori, confidenze, goliardate, fidanzati / appartamenti/ macchine/ motorini/ e magari anche un appartamento, un pranzo, più di una cena… Ma come? era mia amica/o? Mia moglie/ marito? Abbiamo fatto un viaggio/figlio/ mutuo insieme, mi aveva detto che… mi aveva regalato… mi aveva confidato… E ora?

Ora chiami, e non ti rispondono. Aah, certo, certo, li devi pre-avvertire che chiamerai, con un messaggio:

Ciao, come stai? ti posso chiamare?
(No answer)
Fosse facile… Puoi mica irrompere così! potrebbero per la loro struttura emotiva non essere pronti/e a ricevere il messaggio, allora devi mandargliene uno per pre-avvisare che manderai un messaggio per preavvisare che vorresti chiamare.

La sequenza sarà dunque:

  1. Hello (uso spesso l’inglese per destare stupore, sorpresa, curiosità…), come stai?
    Ti sto per mandare un messaggio che ti preavviserà che ti messaggerò per preavvisarti che ti vorrei chiamare… Che ne dici? (Faccetta neutra che traduce, Vengo in pace: non voglio soldi, non sono davanti a casa tua con una bottiglia di vino in mano…)
  2. La risposta ci mette un po’ ad arrivare (con cinque ‘o’, una mezza dozzine di ‘e’, otto punti esclamativi + più faccine indecifrabili, Ciaooooo, grazieeeee!!!!!!!!     e tu non sai se puoi procedere con il messaggio di pre-avviso di chiamata.
    Boh… nell’incertezza, meglio continuare a pre-avvertire, azzardare la chiamata sarebbe un errore clamoroso, a rischio denuncia! 
  3. Frattanto è passata una ventina di minuti buoni, ma siete in ballo, rinunciare ora non è etico, si deve arrivare in fondo. Io, tutto bene, rispondete, sono a Richmond, Virginia, presente? (Ve la tirate un po’, sempre per destare stupore, sorpresa, curiosità). E a questo punto l’OCM di turno si fa loquace e si rilassa, perché la distanza geografica è un buon ansiolitico che calma gli animi e voi più di tanto non potete nuocergli/le, quindi ecco le faccine si moltiplicano, i punti esclamativi e interrogativi (e di sospensione !) non si contano più, peccato che , ahimé, lui/lei deve uscire/ dar da mangiare al cane/alla madre/ al panda / pagare una multa/ un F24 / fare aperitivo coi colleghi per pre-festeggiare  il New Year… Magari a anno nuovo…, vi dice.
  4. Ma ecco il piano B: l’asso nella manica (si fa per dire): il vostro blog!
    Volete condividere – c o n d i v i d e r e –  parte del viaggio, hai visto mai: un dettaglio, una riflessione , una foto riusciranno a ri-accendere quel che c’era stato, a rinverdire il sentimento…
    Seh, come no?!

    Dopo 8 secondi e mezzo (giusto il tempo di 1. aprire il link – 2. dare sorso al Moscow Mule – 3. guardare le foto – 4 sparare il like) e : Favolaaaa!!!!! Grandeeeee!!!!!!!!
  5. E tutto si esaurisce lì, su una faccetta di merda  che si sovrappone a anni di gioie, dolori, confidenze, goliardate, fidanzati / appartamenti/ macchine/ motorini/ figli condivisi, tutto tranne qualche straccio di riflessione su come questa vita stringe ai fianchi e mette alle corde, sul bisogno disperato di un coach che sbuchi da sotto il ring e ti intimi che ce la puoi fare, vietato gettare la spugna, ci sono ancora due o tre round prima del gong finale ancora tutti da giocare, e ben venga la secchiata d’acqua fresca che vi risospinge sul ring.
    Naturalmente tutto questo ve lo siete girato in testa da soli nell’attesa della doppia spunta azzurra al vostro povero pollice che resterà grigio fino all’anno nuovo.

Non vi resta che consolarvi con la città dell’amore fraterno in attesa di rivedere i vostri 🌳🌳🌳 pini tutelari del Golfo di Baratti (il cui emoji naturalmente non c ‘è sul WA).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *