Superlativi assoluti – Uno scrittore affermatissimo

,

C’è, a mo’ di esempio, questo very very successful writer, uno scrittore superaffermato che ne parlo spesso ma ora non ho voglia di dire chi è, se si capisce bene, sennò amen, dirò solo che abbiamo in comune, cioè, io ho in comune con lui non lui con me, abbiamo in comune che quando lo leggo, quando leggo le cose che dice – e come le dice – ecco io le condivido all’istante in modo assoluto, troppo assoluto, al volo proprio, mi arrivano dritte come un siluro, quindi mi infervoro, cosa che di recente mi capita molto di rado e meno male, ché il fervore non corrisposto è pericoloso, sono andata a controllare l’etimologia che è latina e viene da bollore. Ora, a bollire non c’è nulla di male, anzi, si sa che la bollitura rende ottimi certi cibi che altrimenti sarebbero immangiabili, il problema è che se poi dall’altra parte non c’è (re)azione, una risposta che possa come dire, abbassare la temperatura, poi ti tocca curarti le ustioni da te. Forse perché quando gliele comunico le mie impressioni, a questo scrittore affermatissimo, a me mi sembra di usare il suo stesso umore e stile, ma evidentemente viene fuori male, e niente, lui ormai mi ignora. Cioè, non è che dice o scrive tipo, Ma che vai dicendo? Blaterando? Lasciami in pace, et cetera. Non commenta con la sua arte scrittoria, che per l’appunto mi viene da dirgli, Se sei uno scrittore affermato, cosa ti costerà mai, puoi anche fare un po’ di esercizio, giusto per testare al volo la tua abilità. Scrivi due cose, butta là due talenti. Invece no. O gli piace quello che scrivi, o non esisti.

È iniziato che anni fa gli ho mandato una poesia e gli era piaciuta e si era infervorato, una canzone di Lucio Dalla, suo corregionale, una canzone rimaneggiata, rewritten by me, era un esercizio che faceva fare ai suoi wanna-be writers, e insomma io ero lì che mi abbrustolivo a Las Vegas mentre aspettavo un parere da un altro scrittore superlativo, che però è più un critico che uno scrittore, e io gli piacevo parecchio e mi aveva promesso una pubblicazione su una rivista very very successful, ma secondo me me la sono giocata perché l’ho buttata troppo sul personale e lui si è trovato coinvolto ma ora questa non è la sede, se ne volete sapere di più leggetevi Help me! (si trova anche online su Amazon oppure alla libreria Nuova avventura di Marina di Carrara, Via Felice Cavallotti, 30, potete anche ordinarlo per tel. allo 0585 777192).

4 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *